mercoledì 31 maggio 2017

INSIEME RACCONTIAMO 21... and I Will Survive!


21esimo appuntamento con Insieme Raccontiamo, ideato dalla mitica Patricia e targato Myrtilla's House.

Io parto sempre bene e poi puntualmente mi perdo: nel senso che mi ero ripromessa di esserci ad ogni puntata ma, aimè!, vivo i miei momenti di volo pindarico in planata su altri impegni o su altri progetti creativi in nome dei quali il bloggetto rimane indietro.

E dunque, dopo aver scavallato quello di aprile, eccomi qui pronta per il finale di maggio.

Il regolamento lo conoscete ormai tutti.

Passiamo quindi all'incipit di Patty ed al mio finale.

Edizione n.21

L'Incipit di Patricia

Stava affettando la cipolla per il ragù. La radio accesa a tenerle compagnia. Canticchiava sottovoce così come era capace, stonata e storpiando le parole inglesi.

Quasi a tradimento, dopo il mitico Elvis e il suo IN THE GHETTO, nell’aria si diffuse la voce roca e potente, inconfondibile, di Louis Armstrong.

Le note e le parole di WHAT A WONDERFUL WORLD entrarono nella cucina e dentro di lei.

Si fermò col coltello a mezz’aria come colpita da un pugno.

Come è bello il mondo… ma era bello davvero?

Il mio finale

Il giorno in cui aveva ricevuto la lettera di licenziamento aveva pensato che il mondo facesse veramente schifo. Come altro si può giudicare un mondo nel quale se sei donna e poi anche madre alla prima occasione risulti incompatibile con le dinamiche esigenze della dinamica azienda alla quale hai dedicato gli ultimi dieci dinamici anni della tua vita? 

Che poi, non l’aveva neppure presa così male

Naturalmente si sarebbe potuta riposare. Non solo, avrebbe trascorso più tempo con i bambini e l’amato consorte, avrebbe avviato il ciclo di pulizie straordinarie che rimandava da anni e si sarebbe di certo data all'invenzione di nuove ricette. Poi, ovvio, sarebbe avanzato tempo per la lettura, la scrittura, il disegno, il decoupage, la musica e la bigotteria creativa. E la vita sociale? Finalmente avrebbe frequentato le mamme fuori scuola, si sarebbe beata delle lunghe colazioni al femminile spaparanzata al bar, avrebbe preso dimora fissa dal parrucchiere e per non fare uno sgarro a nessuno pure dall'estetista. 

Ma quale licenziamento, quella sarebbe stata una Rinascita

Erano trascorsi sei mesi

Ed alcuni imperanti quesiti la tormentavano oramai impietosamente. 

Quando l’esercito si era trasferito a casa sua senza che lei se ne fosse resa conto rendendo vano ogni sforzo di riassetto e pulizia domestica? Quale demone aveva posseduto i suoi figli che nascondevano nel loro corpo di bambini un rugbista dopato con tendenza alla carriera di tenore ed una chiara predisposizione ad un ruolo di attivista all'interno di uno sfascio per l’oggettistica universale? Chi aveva informato male suo marito facendogli credere non che avesse perso il lavoro bensì che l'avessero dotata del dono dell’ubiquità, rendendo possibile la sua presenza in più iper, super e mini mercati per la fatidica e finalmente possibile spesa intelligente ed in concomitanza al parco per le sacrosante ore di svago dei pargoli e pure a casa per lo stiraggio della montagna di camicie degli (invisibili) soldati accampati in salotto? Perché nessuno le aveva mai rivelato che il pianeta-mamme è in realtà una setta dagli intrecci oscuri che camuffa i propri incontri durante apparenti ed innocue colazioni al bar dove si decide come la maestra o il qualsivoglia figlio di Tizia debbano essere indiscutibilmente sacrificati al demonio? Come aveva fatto sua madre ad assoldare il parrucchiere e pure l’estetista che ad ogni appuntamento le ripetevano la stessa identica solfa materna del tipo, Ma che hai fatto a sti capelli? E perché hai la pelle così disidratata, la metti la crema

Insomma, il mondo poteva anche essere bello, ma lei per quella sera preferì gonfiare il petto e cantare a squarciagola: 

I know I will stay alive 

I’ve got all my life to live 

I’ve got all my love to give 

and I’ll survive
I will survive

Immagine da Internet

26 commenti:

  1. Risposte
    1. Duro, duro, Daniele... Durissimo! Specie per una mamma che si è vista privata della propria occupazione; e conta che ne siamo state fatte fuori un discreto numero: tutte le neo-mamme per farla breve... Nel nostro paese diventa sempre più difficile condurre una vita che abbia come fondamenta i diritti basilari della normalità. Io non mi arrendo però, non la do mica vinta...
      Un abbraccio!

      Elimina
  2. Ma ciaoooo stella!!!!
    Sei sempre la benvenuta, lo sai ma tu non farti pproblemi se qualche volte salti. Conosco la situazione e so che a volte anche conciliare casa/famiglia/bambini/lavaggio/stiraggio/pulizie/ecceteraeccetera con sosta bagno urgentealtrimentilafaccioperterra diventa quasi
    impossibile!
    Poi, non so perchè ma mi sembra particolarmente personale questo finale ahhahahaha sbaglio?
    Grazie tesoro! Un bacione a te e a tutta la tirbù!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uahuahuahuhauhauahuauah... eh, sì Patty! Stavolta il mio finale è AUTOBIOGRAFICISSIMO... Ma mi ci voleva, un sfogo a volte aiuta :P

      Io ti adoro!... Per il tuo affetto sincero e per l'apertura che dimostri sempre a tutti ed in ogni caso <3

      Elimina
    2. Eh, loso! Sono unica inamitabbbbile, 😅😅😅😅😅😅
      Bacionissino stella!

      Elimina
  3. Mi sa che ha ragione Patricia. Questa volta sei andata sul personale. Ho riso lo stesso, mi metti al bando? Con la setta delle mamme hai fatto bingo 😂
    Un abbraccione
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al bando Tu, Marina, mia adorata amica virtuale? Giammaiiii!!! :D Piuttosto, se anche tu hai esperienza dell'universo-mamme, illuminami d'immenso!... Dammi qualche dritta... :P
      A proposito: domani sono di gita! UUUUUAAAHHHHHHHHH non oso neppure pensarci, mi sto già martellando l'alluce per distrarmi dalla sofferenza... -_-

      Elimina
  4. Fantastico, ho riso dal'inizio alla fine! Sei grandissima :-)
    Un abbraccio, Franny

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te, Francesca... che sei fantastica il doppio per aver colto la mia...ehm...sottile ironia :P
      GRAZIE, a presto

      Elimina
  5. Ecchelallà l'Irene, ben scritto, divertente, mooolto vero (io sono quello che pensa che le mogli abbiano il dono dell'ubiquità ahahahahaha)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora...
      Tu vai là e gli dici 1. Se ti risponde 2 tu ribatti 3.
      Mi portate la macchina a far metano?
      Ma non è mica il caso di prendere una macchina sostitutiva Tu porti me alla stazione con l'altra, torni a casa a prendere la figlia per portarla al lavoro, fai la spesa e poi la sera vai a prendere lei e venite a prendere me....
      Ahhhhhhhhhh! La prossima volta nasco UOMAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!

      Elimina
    2. Voi Donne fate e vedete cose che noi umani non potremmo immaginare: lavatrici da combattimento in fiamme sui bastioni di Orione;Figli, nipoti, animali domestici balenare nel buio fino alle porte di Tannoiser. E tutti quei momenti di culo incalcolabile andranno perduti come lacrime nella pioggia. È tempo di morire, oppure di dire MARITIIIIIII collaborate hahahahahaha 😂😂😂

      Elimina
    3. @Massi stavo per annunciarti la messa al rogo insieme al mio ed al marito di Patty... Era già partito l'invito a tua moglie 😏:P... Ma ti sei salvato in extremis ^_^...

      @Pat VOGLIO RINASCERE UOMAAA ANCHE IOOOOOOO!!! Comunque questa della macchina taxi deve essere un vizio comune, come quello dell'ubiquità (vedi sopra Massi): io ho fatto alcuni mesi che alla fine volevano darmi la licenza da tassinara ad honorem... -_-

      Elimina
    4. Belin ti ho anche citato/parafrasato Blade runner, me lo merito sì il perdono 😄😄😄😄. Io mi sono divertito a leggerti.

      Elimina
  6. I will survive pure io XD Il lavoro di casa è spesso non sottovalutato, ma proprio ignorato XD Non si vede, non esiste!
    Mi è piaciuta la versione - non-ce-la-faccio-più-Furio ;)
    Brava!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Glò, mio marito a Furio gli fa un baffo. (SIC) Sto sinceramente pensando di mutare il nome in Magda... :P... Ma forse faccio prima a ritrovare un lavoro, e per un sacco di buone ragioni ^_^
      Ti abbraccio mia cara!! <3

      Elimina
    2. Per un attimo ho pensato: faccio prima a cambiare marito. Ahahahahahahah!

      Elimina
    3. Marina che fai, imprechi? XD XD... Se mai decidessi di dismettere il marito attuale... ti pare che vado a tentare la fortuna con un altro???... I mariti sono come i gratta e vinci... :P :P :P

      Elimina
    4. Marina... ma non basta uno??? Ossignur! Me lo son resa e guai a chi lo tocca ma che rompi!
      E incomjncio a frignare se penso che forse l'anno prossimo andrà in pensione... aiutooooooooo!

      Elimina
  7. Ho riso - riso- riso e ho anche pensato: è vero - vero - vero!
    Bravissima: questo racconto ha il tuo solito tocco esilarante. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È per questo che noi donne siamo fantastiche, Marina: sappiamo scherzare e ridere della vita... ;)) Almeno, noi donne comuni, perché le aggregate alle sette non apprezzano molto l'humor, i sacrifici a satana vanno compiuti con la giusta e dovuta compostezza ihihihiihihihihihih

      Elimina
  8. Bellissimo. E divertente. Complimenti!

    RispondiElimina
  9. Bellissimo. E divertente. Complimenti!

    RispondiElimina
  10. Come descrivi bene tu nessuno...😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai quando ti racconterò nel dettaglio... e di persona! :D :D :D

      Elimina