venerdì 16 giugno 2017

Ciao Amico, ciao...

E così te ne sei andato. Dopo cinque giorni di agonia in quel letto d’ospedale dove pare fossi arrivato vigile ma dal quale non ti sei più risvegliato. 
Te ne sei andato, nonostante le preghiere, le speranze, l’infinito amore di tutte le persone strette accanto a te. 
Sei venuto a morire in questa città che ti aveva accolto per parecchi anni ma che avevi lasciato per tornare nella tua adorata terra. Non sei riuscito a mancare l’appuntamento su quella maledetta via di periferia, con quell'automobilista distratto che ha svoltato dove non poteva, all'improvviso, senza possibilità di salvezza. Chissà, forse andava di fretta, forse ha pensato che aveva il tempo necessario per tagliare la strada di netto, forse era preso da altri dolori, da altre preoccupazioni e neppure ti ha visto. La vita è così complicata al giorno d’oggi, le sofferenze sono il pane quotidiano. 
Lo schianto della moto laterale alla sua macchina e per te è iniziato il conto alla rovescia. Non andavi neppure forte, dicono; altrimenti saresti spirato sul colpo, ti saresti frantumato per intero. Invece, solo quella forma di violento schiacciamento contro il serbatoio: fegato, reni, polmoni, nient’altro di tuo si è scalfito, persino il cellulare è rimasto intatto. Hai lottato. Parecchio. Soprattutto i primi giorni quando in quel coma indotto continuavi ad agitarti, i battiti che risalivano veloci ad ogni voce, ad ogni rumore. Poi più nulla. Tutto ha incominciato a cedere, in maniera lenta e inesorabile. Solo il cuore, forte e deciso fino alla fine. Il tuo cuore gioviale e generoso, carico di passione per la vita e per tutti. 
Non ti si poteva non amare, e non è una frase di circostanza. Il tuo carisma era ammaliante, la tua simpatia fuori dal comune e nonostante fossi diventato padre così giovane eri riuscito ad essere il migliore ed il più presenti dei papà. 
Hai amato e sei stato amato oltre ogni misura, per questo forse te ne sei voluto andare come le star, alla James Dean maniera. 
Lasci un vuoto che nessuno potrà mai colmare; ma non morirai mai, perché tu vivi negli animi di ciascuno di noi.

Non posso più donarti niente, ma ho voluto dedicare a te uno spazio in questo mio spazio che non conta nulla ma dove raccolgo le cose di cuore.

Ciao Amico, ciao… Ovunque tu sia, sarà certamente un mondo migliore di questo.

Con immenso e infinito Amore,

Irene

Gazzetta del Sud del 16 Giugno 2017

Gazzetta del Sud del 16 Giugno 2017

13 commenti:

  1. Mi spiace per la tua perdita Regina. So cosa significa perdere un amico/a. Avevo solo 17 anni quando è successo la prima volta. L'importante è non dimenticarli 😍
    Ti abbraccio.
    Marina

    RispondiElimina
  2. Mi dispiace tantissimo per questa perdita, insensata perché morire a causa di automobilisti distratti nel 2017 è davvero crudele.
    Porta sempre il ricordo del tuo amico nel cuore, e lui ti sarà vicino.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Gli hai reso onore. Lo hai commemorato con amore. Hai fatto bene. Ti mando un bacio fraterno.
    ps oggi è l'anniversario di matrimonio mio e di Rosanna, lo abbiamo festeggiato vicini a una cara amica e collega che, proprio oggi, ha seppellito il compagno di una vita intera. La morte fa schifo e i funerali fanno schifo. Ma vincono l'amore e l'affetto che ci lega alle persone. Fanculo al destino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri Max per l'anniversario 😍 e condoglianze all'amica 😓

      Elimina
    2. Grazie di cuore Marina, e scusa a Irene per la divagazione.

      Elimina
  4. Quante morti improvvise, inaspettate, assurde e una giovane vita si spegne. Condoglianze di cuore e che lui sia nella pace.
    sinforosa

    RispondiElimina
  5. Mi spiace tanto Regina. Sono sicura che queste parole arriveranno fino a lui. Condoglianze anche alla famiglia.

    RispondiElimina
  6. Aveva 27 anni. Si chiamava Ornella ed eravamo molto amiche. Era in moto con il fidanzato. Lui si è salvato.
    Dolori che si rinnovano e non passano mai.
    Mi dispiace, Irene!

    RispondiElimina
  7. Questa è l'altro piatto della bilancia quelloche si contrappone alla gioia, quello che ti fa fremere di paura, rabbia e dolore che a volte dìti blocca il respiro, che ti fa tanto male nel petto, che ti innonda gli occhi di lacrime e non solo quelli, ma con il tempo ... tanto... ti riporterà il sorriso al ricordo .... una preghiera per voi e la Sua famiglia perchè vi aiuti a lenire il dolore della Sua mancanza.
    un grande abbraccio

    RispondiElimina
  8. Irene, non ho parole, solo mi dispiace ed un forte abbraccio.

    RispondiElimina